Aggressioni medici. Magi (Lista Medici Uniti): “Gli ordini devono garantire la sicurezza del lavoro”

Con queste parole il capolista nelle imminenti elezioni dell’Omceo di Roma commenta l’aggressione ai danni di una dottoressa della guardia medica di Foggia. “Gli ordini hanno il dovere di garantire ai medici di lavorare in condizioni normali, non precarie e nella paura”.

(DA QUOTIDIANO SANITA’)

“Ieri si è consumato l’ennesimo atto di violenza ai danni di una collega pugliese della guardia medica. Siamo di fronte ad un’escalation davvero preoccupante che mette a rischio il normale svolgimento delle attività lavorative del personale sanitario tutto. Per questo ritengo che gli ordini debbano garantire la sicurezza del lavoro e dei luoghi di lavoro come prevede uno dei punti del nostro programma”.

Con queste parole Antonio Magi, capolista nelle imminenti elezioni dell’Omceo di Roma con la lista Medici Uniti che si svolgeranno dal 2 al 4 dicembre prossimi, commenta l’aggressione ai danni di una dottoressa della guardia medica di Foggia.

“Gli ordini – conclude Magi – hanno il dovere di garantire ai medici di lavorare in condizioni normali, non precarie e nella paura. I nostri colleghi devono poter fare serenamente il loro lavoro perché svolgono un servizio pubblico nei confronti di tutta la collettività”.

14 novembre 2017